Comunicati stampa - 19 mag 2020

Lettera aperta alle Giovanili

"Cari ragazzi, mamme e papà,
da quel venerdì 7 marzo, giorno in cui ci siamo resi conto che qualcosa di grave e irreparabile stava succedendo a noi tutti, sono trascorsi ormai più di 2 mesi...."
Comincia così la lettera inviata nelle scorse ore alle famiglie del nostro settore giallorosso: poche parole ma importanti capaci di manifestare la voglia di ripartire presto anche sul campo ...
Ecco il testo integrale della lettera:

Cari ragazzi, mamme e papà,
da quel Venerdì 7 marzo, giorno in cui ci siamo resi conto che qualcosa di grave e irreparabile stava succedendo a noi tutti, sono trascorsi ormai più di 2 mesi, la stagione calcistica come ormai era inevitabile è giunta al termine.
In questo periodo di quarantena abbiamo avuto tutti momenti di sconforto e di speranza, ma abbiamo condiviso il presupposto che la salute venisse prima di tutto, la speranza che noi abbiamo è che si possa ritornare presto alla normalità.
In questo momento, dal Presidente a tutti i Dirigenti e Mister siamo tutti rammaricati per una stagione che non abbiamo potuto concludere fino in fondo, la società è comunque orgogliosa di tutti voi, dei vostri allenatori e accompagnatori, per i brillanti risultati ma soprattutto per il comportamento che avete dimostrato sul campo e fuori.
Stiamo lavorando affinché si possa recuperare il tempo perso, il Calcio Bassano è pronto a ripartire con l’entusiasmo e la passione che ha sempre dimostrato, la ripresa dell’attività dipenderà da molti fattori ma garantiamo che noi ci siamo e ci saremo.
Nelle prossime settimane verrete contattati dalla società per l’organizzazione delle squadre della prossima stagione, stiamo ipotizzando i vari scenari, per poter ripartire secondo le disposizioni che ci verranno date, e vedremo di affiancare le Vostre esigenze e difficoltà con le nostre risorse.

Ufficio Stampa F.C. Bassano 1903
ufficiostampa@fcbassano1903.it
Lettera aperta alle Giovanili

Notizie correlate

#fcbassano1903

Condividi il tuo tifo e la tua passione per il Bassano